Breaking News
Home / Clima / Dalla NASA la prova del cambiamento climatico

Dalla NASA la prova del cambiamento climatico

La NASA (National Aeronautics and Space Administration), la conosciamo tutti, è l’agenzia governativa responsabile del programma spaziale degli Stati Uniti d’America e della ricerca aerospaziale. Non solo, la Nasa ha un progetto di ricerca scientifica sul clima tra i più importanti al mondo. E uno dei primi.

Sul proprio sito dedicato climate.nasa.gov (vedi link), la Nasa ha diffuso quella che chiamano “la prova scientifica del fatto che il #globalwarming e il #climatechange sono reali”. E’ questo grafico, basato sul confronto tra i campioni atmosferici contenuti nei nuclei antichi di ghiaccio e le più recenti misurazioni dirette. Fornisce la prova di quanto la CO2 nell’atmosfera sia aumentata a partire dalla Rivoluzione Industriale. E’ la curva “impazzita” alla fine che si può vedere nel grafico, con l’impennata a partire dalla seconda metà XX secolo.

Come mostra il grafico, nonostante il clima sia sempre cambiato negli ultimi 400 mila anni, la maggior parte di questi cambiamenti sono piccole variazioni. Si sono avuti sette cicli di avanzamento e ritiro glaciale, con la brusca fine dell’ultima era glaciale circa 7 mila anni fa a segnare l’inizio dell’era moderna del clima – e della civiltà umana. Mai in centinaia di migliaia di anni la CO2 aveva superato la fatidica soglia di 300 parti per milione. La curva, come si vede nel grafico, è sempre stata al di sotto della linea. Fino al secolo scorso. Vuol dire che per ogni milione di molecole di aria esistevano da 180 a 290 molecole di CO2 . Oggi abbiamo superato le 400 parti per milione.

Colpa dell’uomo.

L’impennata di CO2 sarebbe strettamente collegata al riscaldamento del Pianeta. “L’attuale trend di riscaldamento è particolarmente significativo – dice la Nasa – in quanto la maggior parte di esso è estremamente probabile che sia il risultato dell’attività umana, in particolare dell’emissione di gas serra. Con una probabilità superiore al 95 per cento. E il riscaldamento del Pianeta procede ad una velocità senza precedenti”. Su questo è d’accordo tutta la comunità scientifica, il 97 per cento di essa.

Quanto si è riscaldato il Pianeta.

La Nasa, poco più avanti, dà la misura di quanto si è riscaldata la Terra: circa 2,0 gradi Fahrenheit (1,1 gradi centigradi) nel solo XX secolo.  La maggior parte del riscaldamento – come dimostrato – si è verificato negli ultimi 35 anni. E le cose stanno peggiorando: “16 dei 17 anni più caldi mai registrati – aggiunge la Nasa – sono concentrati a partire dal 2001. Il 2016 non solo è stato l’anno più caldo di sempre, ma otto dei dodici mesi dell’anno – da gennaio a settembre, ad eccezione di giugno – sono stati i più caldi di sempre per i rispettivi mesi”. Anche il 2017 si prepara ad essere un anno record del global warming: settembre 2017 è stato il quarto settembre più caldo in 137 anni di misurazioni scientifiche della Nasa.

Gli altri numeri a testimoniare l’eccezionalità del cambiamento climatico in atto ricordati dalla Nasa sono:

  • aumento della temperatura degli oceani : + 0.302 gradi Fahrenheit dal 1969
  • scioglimento delle calotte polari : la Groenlandia ha perso 150-250 km3 di ghiaccio all’anno tra il 2002 e il 2006, l’Antartide ha perso circa 152 km3 di ghiaccio tra il 2002 e il 2005. Negli ultimi decenni sono diminuiti rapidamente sia l’estensione che lo spessore del ghiaccio
  • ritiro dei ghiacciai quasi ovunque nel mondo, in tutte le principali catene montuose tra cui le Alpi, l’Himalaya, le Ande, l’Alaska e l’Africa. Diminuzione del manto nevoso nell’emisfero settentrionale negli ultimi cinque decenni e scioglimento primaverile anticipato
  • innalzamento del livello del mare di circa 8 centimetri, solo nel secolo scorso. Ma negli ultimi due decenni, il tasso di innalzamento è quasi raddoppiato
  • acidificazione dell’oceano : dall’inizio della rivoluzione industriale, l’acidità delle acque oceaniche superficiali è aumentata di circa il 30 per cento come risultato delle emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera che vengono assorbite negli oceani. La quantità di CO2 assorbita dallo strato superiore degli oceani aumenta di circa 2 miliardi di tonnellate all’anno
  • eventi meteo estremi in aumento a tutte le latitudini

 

About alessandromacina

alessandromacina
Journalist & TV Reporter at RAI RadioTelevisione Italiana. Founder & Publisher ClimateChange News.

Check Also

Climate change è la nostra allerta meteo quotidiana

Non staremo qui a fare l’elenco degli ultimi disastri meteo. Qui daremo altri dati. Mentre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *