Breaking News
Home / Mission

Mission

Dagli Stati Uniti all’India fino all’Italia, gli effetti del cambiamento climatico sono davanti a noi e stanno facendo aumentare siccità, tempeste e inondazioni. Questa non è più emergenza. Non si tratta di tante, singole, situazioni da affrontare caso per caso. Tantomeno si può parlare di “emergenze maltempo” sparse qua e là per il globo. Velocità dei cambiamenti, frequenza, imprevedibilità e intensità degli eventi estremi ci stanno dicendo che questa è la nuova realtà con cui fare i conti.

Si tratta di abituarsi a una diversa normalità: il cambiamento climatico è reale. E sta accadendo oggi.

Non sono più previsioni a lungo termine, gli impatti dei cambiamenti climatici colpiscono già milioni di persone in tutto il mondo. Chiedere che questo tema sia al centro di ogni discorso e scelta politica. E’ la prima sfida, la prima azione da chiedere con forza ai governi del mondo perché le cose sono destinate a peggiorare più velocemente di quanto inizialmente previsto. Non è solo un problema ambientale, ma sociale a 360 gradi. Disuguaglianze, alimentazione, sanità, guerre, migrazioni. E’ tutto connesso. E la pressione demografica da sola può far saltare tutto, se non cambiamo i nostri modelli energetici, produttivi, alimentari, agricoli.

Questo blog sarà una finestra aperta 365 giorni l’anno sul cambiamento climatico.

Un’operazione verità, senza catastrofismi. Giornalismo al servizio della difesa del Pianeta. Divulgazione scientifica e inchiesta. Interviste esclusive, approfondimenti e contenuti multi-piattaforma. Una banca dati del clima. Tutti gli utenti potranno utilizzarci come tale, fornendoci contenuti e documenti filmati, come in un grande “you reporter” dei cambiamenti climatici. Raccogliamo tutti gli eventi e le notizie, come fossero tanti “puntini” su un grande mappamondo. Per poi unirli, cercare risposte e proporre soluzioni.

Qual è la verità  sul clima? Eccessivo allarme o complice negazionismo?

Quanto i fenomeni meteo sempre più estremi, frequenti e imprevedibili nell’intensità sono da imputarsi al riscaldamento globale e al cambiamento climatico, ce lo dirà la scienza. Capiremo cosa sta succedendo anche in Italia. Dando conto allo stesso tempo di quello che succede nel mondo, come se fossimo un Tg del pianeta Terra. Perché non c’è PIL che possa reggere il confronto con quello che produce la natura in termini di vita e ricchezza.

E’ la nostra più grande battaglia, sulla quale verremo giudicati dalle generazioni future: difendere la Terra, salvare il clima, evitare di raggiungere pericolosi punti di non ritorno, conservare e implementare il nostro capitale naturale.